Reggio Calabria, la nuova discarica a cielo aperto

Tutto inizia diversi anni fà, quando a Reggio Calabria si viveva bene, il denaro circolava sempre, non era presente la famosa crisi economica,i commercianti rinnovavano i propri negozi, i cittadini ristrutturavano le loro abitazioni ed i giovani davano vita ai B&B per il grande turismo (non straniero)che ogni estate invadeva la città di Reggio Calabria. Anche il famoso Lele Mora(prima del carcere), contribuiva a portare (cache di oltre 190.000.00 euro)personaggi famosi (o quasi) per fare qualche foto sul corso principale con i cittadini reggini.Alla fine i conti sono arrivati per le casse del comune reggino, che non ha potuto far fronte a tutte le spese,prima il divertimento e dopo gli stipendi, la luce comunale ed i servizi essenziali per la città. Poi tutto si è fermato,due sono stati i fattori scatenanti, l'avvicendamento del sindaco e il cambio del procuratore di Stato. E' emerso tutto il marcio di prima, la Mafia, la corruzione (ancora indagini in corso) ma a pagare come sempre sono stati cittadini reggini i quali pagano oggi una accisa pesante sulla bolletta della luce per far fronte al pagamento della corrente elettrica in città. Comune commissariato, spazzatura non raccolta, discarica piena e stipendi comunali non percepiti.Conclusione ? tutti a terra, famiglie che non hanno potuto festeggiare le vacanze natalizie, le strade di Reggio Calabria invase da topi e spazzatura ed il potere che ha amministrato ? tutti al caldo ed in vacanza in attesa delle prossime elezioni.

Commenti

Post popolari in questo blog

Alla scoperta della casa di Lucio Dalla

L'acqua, elemento fondamentale nell'arte dell'artista Mariella Gentile

La musica dal vivo riparte a Roma