Cerca nel blog

giovedì 18 ottobre 2018

Le opere di Massimo Schito in mostra presso monogramma arte contemporanea

Venerdì 26 ottobre, si inaugurerà presso monogramma arte contemporanea in via margutta 102, la mostra dell'artista pugliese Massimo Schito. Verranno presentati 12 lavori su tela, tutte tecniche miste, nelle quali l'artista, attraverso il concetto della fisica quantistica, racchiude il concetto del "nucleo" all'interno delle sue tele. Il testo a catalogo è stato scritto dalla Dott.ssa Marta De Lorenza, la quale descrive in questo testo l'artista e la sua forma d'arte : "Al rogo la figura, il contorno, i margini di filo spinato impigliato sullo sguardo sgranato che non trova altro. Al rogo di vita gli schemi galeotti entro cui vedere ciò che il limite ti ha educato a vedere, essere, pensare, comprendere. Al rogo , ardente di vita iridescente, i contenitori di stelle e significato. Qui bruciamo le barriere banchettando sulle sue ceneri, attraversando gli spazi, le dimensioni, i sensi. E’ questo l’incendio emozionale di Massimo, è colore fuso nell’emozione che scappa dall’ intelaiatura ribelle, schizzi di senso che colano come lacrime davanti alla verità, quella vera, quella al centro, quella incastonata al centro dello stomaco. E’ un viaggio continuo da dentro a fuori. Puoi rimanere con i piedi piantati sul confine oppure addentrarti dentro, sempre più dentro, fetta dopo fetta di anima, senso dopo senso irrisolto, fino a raggiungere il centro. Il centro che coordina il traffico tra dentro e fuori, mentre dal macromondo ti spogli e nudo ti incammini verso il micro, sempre più a fondo, dove tutto avvolge, tutto stringe come un cerchio di culla e respiro, con occhi spalancati dalla meraviglia di bambino e il cuore fuso con quello dello stesso universo....fino a raggiungere il nucleo.. il mio, il tuo, il nostro, quello del regno in cui respiriamo, creiamo, esistiamo, vibriamo. Tutto è nucleo. E ogni viaggio scaccia via ogni vento sabbioso. La superficie crolla. Non serve. Costruzioni vuote. Ceneri. E l’anima libera che esplode, al centro. In Te." La mostra potrà essere visitata fino al 9 novembre 2018.